Ronde Van Vlaanderen – Giro delle Fiandre (percorso 2011-145km)

Muri e pavè, questo è il binomio del Giro delle Fiandre. Il percorso è sicuramente impegnativo ma non duro come per esempio una Liegi. E’ un percorso molto tecnico, strade strette, viottoli di campagna, pendenze elevate oltre il 20% su pavè, ed è paesaggisticamente molto panoramico tra le verdi e dolci campagne fiamminghe.

Si parte da Ninove (Brugge per il percorso lungo) e si arriva ad Oudenaarde (poco distante dalla partenza di Ninove), ed è suddivisibile in due parti: i primi 50km (500m di dislivello) ricchi di saliscendi con poche ascese per lo più semplici mentre i secondi 90km (1100m di dislivello) sono un concentrato dei muri più difficili, Paterberg (20%), Koppenberg (22%), Molenberg (15%), Kapelmuur (18%), Bosberg (11%).Ogni muro è un fuori soglia, bisogna sedersi in punta di sella e ben equilibrare il peso del corpo per non far slittare la ruota posteriore e non impennare quella anteriore, senza perdere potenza e agilità. La carreggiata è molto stretta, sono viottoli di campagna lastricati, i partecipanti sono sempre molti ed è necessario essere scaltri e fortunati per infilarsi in tutti i varchi senza essere penalizzati dal traffico e costretti al disonore di mettere giù il piede. Molti sbandano, procedono a zig-zag, scivolano e cadono anche rovinoisamente, per il pavè, per le pendenze e perché imbranati, ma oggettivamente ci vuole tecnica.

Il pavè è micidiale, lo si trova in salita in pianura e in discesa, i nostri sampietrini sono autostrade al confronto. Sono mattonelle quadrate tozze da 10-15cm, sconnesse e posizionate con ampi interstizi una dall’altra. Il primo tratto che ho percorso me lo sono ritrovato all’improvviso dopo una discesina dietro ad una curva: mi ha scioccato. Arresto psicomotorio. Vibrazioni e botte ovunque. Non si sa come impugnare il manubrio, sopra, sotto, alle leve, tenendolo con forza o impugnandolo solo debolmente. Trema tutto, mani braccia e cervello. Viene spontaneo frenare ma si fa fatica pure a tirare i freni. Più avanti mi sono ritrovato a percorrere un tratto di pavè in pianura a 23km/h in soglia mentre dei valorosi mi passavano a più d 30 orari.

E’ vero bisogna aggredirlo, ogni settore come una ripetuta decisa, l’avevo anche letto, ma farlo non è né semplice né immediato.

Giro delle Fiandre 1^parte (SIGMA ROX 9.0)

Giro delle Fiandre 2^parte (SIGMA ROX 9.0)

 

Articolo precedentePasso dello Stelvio
Articolo successivoDalla parte del CICLISMO

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Pubblicità

La Via Silente

Un sentiero meraviglioso che in poco meno di 600 km, suddivisi in 15 tappe, attraversa l'intero territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di...

Ghisallo da Bellagio

Salita storica quella del Ghisallo da Bellagio: sono 9km scarsi molto vari per un dislivello complessivo di poco più di 500m. E’ il simbolo...

ROAD BIKE PARTY – Martyn Ashton di nuovo in BICI!

Martyn Ashton di nuovo in BICI! http://www.youtube.com/watch?v=kX_hn3Xf90g   Un anno fa scrivevamo rendendogli omaggio... Anche ciclopercorsi.eu non può far finta di niente di fronte ad un filmato del...