San Pellegrino in Alpe

Che salita! C’è tutto, pendenza, dislivello, lunghezza, ed è davvero micidiale.

Si parte da Castelnuovo Garfagnana e per i primi 4km non c’è nulla da segnalare se non il piacere di pedalare in una bella zona della Toscana. Al bivio si segue per Campori-Chiozza-S. Pellegrino in Alpe lasciando la SS315 e imboccando a destra una strada dalla carreggiata ristretta. Da qui sono già dolori, pendenze molto costanti 8-10% con solo un paio di punti di respiro per ben nove chilometri salendo trai castagni su una strada a volte soffocata dal bosco e altre con visuali un po’ più aperte. A quota 1160m si respira è c’è pure un tratto in discesa ma è il preludio dell’inferno. Località Boccaccia. La strada riprende a salire, un cartello indica 18% e iniziano 2km abbondanti di fuoco con la pendenza micidiale che non da’ tregua e sale fino al 23%. L’ultimo tornante prima del borgo sfianca. Entrati in S.Pellegrino si respira per poche centinaia di metri e poi la strada torna a farsi velenosa anche se non più come prima e forse trova la complicità della stanchezza oramai più che affiorata. Dopo 1km paesaggisticamente spettacolare, tipico paesaggio appenninico di mediolta montagna,  si arriva al passo di Pradaccio 1617m e finalmente la salita termina. La strada continua e in discesa si arriva al passo delle Radici. Una salita 5 stelle per tecnica, durezza e paesaggio.Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

E’ possibile programmare un itinerario più articolato: che si parta dall’Emilia o dalla Toscana si può inserire il passo delle Radici, suggestivo e pedalabile, scendere lungo una godibilissima discesa di oltre 25km a Castiglione Garfagnana, bellissima città murata, e poco prima di Pieve a Fosciana prendere il bivio indicato in precedenza; oppure fare l’Abetone, scendere in Toscana e risalire la Garfagnana per poi deviare verso il S.Pellegrino (questo secondo giro è un po’ più lungo 130km). Ovviamente sono escursioni molto impegnative e bisogna essere preparati e ben allenati.

Chi scrive l’ha percorsa i primi giorni di un mese di ottobre partendo da Pievepelago (passo Radici, San Pellegrino in Alpe), in una giornata tersa, sole e  vento, le cime delle Alpi Apuane già imbiancate e tutto intorno i colori dell’autunno: a tutt’oggi rimane una delle mie preferite.

 

Articolo precedenteLa fiamma rossa
Articolo successivoPasso San Marco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Pubblicità

La Via Silente

Un sentiero meraviglioso che in poco meno di 600 km, suddivisi in 15 tappe, attraversa l'intero territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di...

Ghisallo da Bellagio

Salita storica quella del Ghisallo da Bellagio: sono 9km scarsi molto vari per un dislivello complessivo di poco più di 500m. E’ il simbolo...

ROAD BIKE PARTY – Martyn Ashton di nuovo in BICI!

Martyn Ashton di nuovo in BICI! http://www.youtube.com/watch?v=kX_hn3Xf90g   Un anno fa scrivevamo rendendogli omaggio... Anche ciclopercorsi.eu non può far finta di niente di fronte ad un filmato del...